volley-1672x900-prova

Donazioni

1. Annamaria Avila€ 200.00

Partner

  • LYSD Project
  • A. S. Volley Ciserano
Location Kouvé

Questo villaggio, a circa 70km dalle spiagge di Lomè, fa parte della prefettura di Yoto, nella regione marittima del Togo. Oltre ad essere la sede dei nostri primi progetti e il nostro "campo base" in tutti questi anni, è conosciuto per la presenza dell'Ospedale delle Suore della Provvidenza

Tempistichegennaio 2016

Progetto in corso

Ultimo aggiornamento: 13 ott 2017

Nel villaggio di Kouvé sono pochi le srutture sportive per gli adolescenti, che passano del tempo con i loro coetanei, solamente a scuola e in pochi altri momenti durante la giornata.

Lo scopo del progetto è proprio quello di creare uno spazio dove la gioventù di Kouvé possa coltivare la passione per lo sport, nonché ricevere un’educazione e quindi formare un gruppo nel quale ognuno possa stringere amicizie, condividere le proprie idee, trovare sostegno.

In particolare il progetto è rivolto alla componente femminile della gioventù di Kouvé: i ragazzi spesso si riuniscono e giocano a calcio o a basket (i due sport più diffusi nella nazione), le ragazze sono totalmente escluse da questi momenti.

Per questo riteniamo fondamentale dare anche a loro la possibilità di potersi aggregare e praticare uno sport, importante momento di crescita personale e sociale.

Nel villaggio di Kouvé sono presenti pochi spazi sportivi/ricreativi per adolescenti, i quali stanno con i loro coetanei, in un contesto che non sia il tempo libero, solamente a scuola e in pochi altri momenti.

Ciò che propone il progetto è di creare un suddettto spazio dove la gioventù di Kouvé possa coltivare la passione per lo sport nonché, tramite esso, ricevere un’educazione e, quindi, formare un gruppo nel quale ognuno possa stringere amicizie, condividere le proprie idee, trovare supporto.

In particolare, il progetto è rivolto alla componente femminile della gioventù di Kouvé: i ragazzi spesso si riuniscono e giocano a calcio o a basket (i due sport più diffusi nella nazione), le ragazze sono totalmente escluse da questi momenti. Per questo riteniamo fondamentale il fatto che anch’esse debbano avere un momento per potersi aggregare e praticare uno sport, è un importante momento di crescita per la loro persona.

OBIETTIVI GENERALI

Lo sport non è solo un semplice passatempo, un’attività ristoratrice, ma un grande mezzo di crescita. Difatti esso è un importante strumento al servizio dell’individuo, in quanto favorisce la crescita armoniosa ed equilibrata della persona aiutandola a migliorare negli aspetti psico-fisico, cognitivo e relazionale.
Non si può dunque considerare lo sport senza considerare l’aspetto educativo a causa dei valori intrinseci che lo sport porta con sé. Dunque, l’obiettivo generale del progetto è che i partecipanti possano conoscere, sperimentare ed acquisire i seguenti valori: il rispetto dei compagni, degli avversari e delle regole, il sapersi relazionare con il gruppo e con le varie dinamiche del suo interno, la lealtà e l’onestà, l’impegno e la fatica per ottenere risultati, l’ascolto e la fiducia verso la figura dell’allenatore, l’autostima, la socializzazione, l’integrazione e la gestione della propria emotività.

OBIETTIVI SPECIFICI

L’obiettivo è quello di formare due gruppi pallavolistici, uno che accolga bambine dai 9 agli 11 anni e l’altro ragazze dai 12 ai 15 anni; la squadra di pallavolo sarà per queste ragazze, oltre che una situazione nella quale sarà possibile apprendere lo sport, una situazione aggregativa e, se necessario, di sostegno.
Le squadre sono gestite per tutta la durata del progetto da autoctoni, i quali vengono formati a dovere dai volontari che si recheranno sul posto durante i mesi di luglio e agosto.

Il progetto non consiste solo nel portare il materiale, ma soprattutto nell’insegnare lo sport ai ragazzi e ragazze ed agli allenatori locali, in modo tale da renderli autonomi nella gestione del progetto. Inoltre, la diffusione della pallavolo a Kouvé, aiuta sicuramente nell’inclusione delle ragazze adolescenti del villaggio, le quali sono generalmente escluse in ambito sportivo, essendo gli sport prevalenti (calcio e basket) considerati come prettamente maschili.

RISULTATI ATTESI

Innanzitutto, per quanto riguarda le adolescenti facenti parte dei due gruppi pallavolistici, possono sperimentarsi nella pratica della pallavolo, uno sport ancora non molto diffuso in Togo e, inoltre, godere dei benefici che la situazione può apportare alla loro persona, tramite i sopraelencati valori insiti nello sport.

Gli allenamenti ai quali esse devono presenziare contribuiscono a costruire il senso di responsabilità nei confronti dell’impegno preso e di chi, come loro, partecipa al progetto; per questo motivo il più importante tra i risultati attesi è ottenere una certa frequenza agli allenamenti, la situazione non deve scemare una volta rientrati in Italia i volontari, ma deve proseguire per tutta la durata del progetto (2 anni). In secondo luogo, gli allenatori e gli aiuto-allenatori hanno modo di mettersi alla prova nella gestione della squadra e delle sue dinamiche; essi hanno l’obiettivo di portare avanti il progetto con costanza e di saper stimolare ed invogliare i ragazzi e le ragazze nel proseguire con l’attività pallavolistica. Nel caso degli aiuto-allenatori (ragazzi dai 16 ai 18 anni) si pensa che questa sia un’opportunità di crescita importante poiché, conciliando il lavoro nel progetto con la scuola, possono iniziare ad affacciarsi e a conoscere quella che è la mentalità lavorativa, crescendo e responsabilizzandosi facendo qualcosa che li stimoli, che è di loro grande interesse come lo sport; l’obiettivo è che essi diventino i futuri allenatori.

BENEFICIARI

I beneficiari diretti del progetto sono un gruppo di circa 20 bambine dai 9 agli 11 anni e un altro gruppo di circa 20 ragazze dai 12 ai 15 anni; inoltre, 4 allenatori e 4 aiuto-allenatori locali, i quali verranno stipendiati.

La popolazione di Kouvé è beneficiaria indiretta del progetto, il quale fonda una nuova realtà per il villaggio e serve per educare un buon numero di adolescenti residenti a Kouvé.

  • mainimage