Federica all'oceano con i bambini di Kouvè
19 luglio 2014

Il piccolo Fogà e l’oceano di Aneho


Uno dei momenti più speciali vissuti in Togo, durante il GOTOTOGO 2013, è stato quando abbiamo portato i bambini di Kouvé all’oceano, ad Anehò.

Noi ragazze del gruppo abbiamo deciso di tornare lì con i capisquadra del campo estivo di Kouvé e altri bambini. Tra i bimbi che sono venuti con noi c’erano i due fratelli Fovì e Fogà.
Durante il tragitto in pulmino abbiamo scoperto che Fogà non aveva mai visto il mare, non era mai stato all’oceano.

Durante il viaggio, mentre tutti gli altri bambini dormivano o chiaccheravano, Fogà era iper agitato, non chiudeva gli occhi neanche un secondo, continuava a girarsi intorno e a guardare fuori dai finestrini

Si vedeva lontano un miglio che era emozionatissimo, aveva gli occhi vispissimi.
Arrivati alla spiaggia, abbiamo sistemato il pranzo al sacco, i teli e gli zaini e subito ci siamo catapultati a riva con i bambini, che si lanciavano in acqua e rotolavano sulla sabbia. Era stupendo vederli divertirsi così. Fogà, essendo la prima volta ed essendo l’oceano agitato, era molto timoroso. Aveva paura a bagnarsi i piedi, si avvicinava, guardava l’onda, aspettava che l’acqua si avvicinasse a lui e scappava via.

Le ragazze del GOTOTOGO 2013 all'oceano con i bambini di Kouvè

Poco dopo, vedendo che gli altri si buttavano senza paura, incoraggiato da noi si è bagnato. Da lì è stato impossibile fermarlo.
Vedere il suo sorriso pieno di gioia, quegli occhi colmi di vitalità e stupore, ci hanno fatto davvero emozionare. Un bambino di 8 anni che non ha mai visto il mare e che si sente al settimo cielo perchè lo porti in gita lì con i suoi amici e dalla felicità ti regala i suoi migliori sorrisi, è una cosa che ti lascia il segno, che ti fa riflettere.

E’ bastato un piccolo gesto da parte nostra per renderlo davvero felice e regalargli una stupenda giornata.
Senza che se ne accorgesse, quel giorno fu lui a farmi il regalo più grande.